Quali sono i linguaggi artificiali di programmazione più utilizzati?

Ecco la domanda comune che i miei allievi ricorrentemente mi rivolgono.

Come rispondere in maniera accurata e valida? Non è facile trovare la soluzione in rete. La soluzione è spesso discutibile e contraddetta da altri fattori e spesso siti specifici del settore sono in completo disaccordo.

Secondo me la soluzione si può trovare in rete affidandosi ai dati del più importante network del codice open e free: Github

Ecco la soluzione data dai dati reali di utilizzo sia online sui progetti postati che su tutte le interazioni (milioni) sul popolare network del codice open source.

La soluzione è la seguente:

https://octoverse.github.com/projects#languages

Il primo in classifica è ancora JavaScript per il fatto che ogni sito web ha spesso codice fatto con questo linguaggio che ha in comune con Java solo una parte del nome.

Il secondo è Java

Java è un linguaggio orientato all’oggetto creato da Sun Microsystems e che adesso è di proprietà di Oracle. È usato per database, per lo sviluppo delle app per Android, come un linguaggio di programmazione “backend”, per app per il desktop e altro. È straordinariamente popolare, ed è considerato uno dei più stabili e affidabili modi per costruire dei sistemi complessi.

In grande crescita abbiamo assolutamente Pyton ma comunque a mio parere la sua crescita si fermerà se questo linguaggio non sarà in grado di fare un salto di utilizzo verso il mondo professionale provenendo dal didattico.

Python è un linguaggio di programmazione di alto livello e uno di quelli che sta crescendo più velocemente. È semplice da imparare, ma è spesso usato per fare programmazione di alto livello come machine learning e data analysis. Uno dei tutorial più popolari per Python è chiamato “Learn Python the Hard Way.

“Gran parte di questo dipende dal fatto che è un linguaggio estremamente versatile”, ha detto O’Grady.

Comments

comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.